Alla scoperta di Edimilson Fernandez

Probabilmente fino a domenica scorsa non tutti, neanche fra i tifosi viola più informati, conoscevano esattamente chi fosse uno dei nuovi arrivati in squadra, ovvero Edimilson.

Ma dopo la trasferta di Udine tutti  saranno corsi ai ripari e si saranno informati.

Per quei pochi che non hanno avuto il tempo di farlo, ecco una veloce scheda sul 12° marcatore viola stagionale:

Edimilson Fernandes Ribeiro, nato a Sion il 15 aprile 1996, è un calciatore svizzero  di origini portoghesi  e capoverdiane, centrocampista in prestito dal West Ham United. È cugino di Gelson Fernandez, anche lui centrocampista, che gioca nell’Eintracht Francoforte e nella Nazionale Svizzera. 

Ristabilite origini e parentele celebri, cerchiamo di capirne di più sul giocatore viola.

Dopo aver giocato nelle giovanili del Sion, nella natia Svizzera, nel 2015 viene convocato in prima squadra, con la quale colleziona 42 presenze condite da due goal nelle prime due stagioni.

Con il Sion vince la Coppa di Svizzera. Nell’estate del  2016 lo acquista il West Ham pagandolo 6,4 milioni di euro: in totale gioca da subito 28 partite anche se solamente 8 volte parte a inizio del match.

Lo scorso anno accusa una flessione di presenze dovuta anche ad un serio infortunio, con 14 gare totali e 9 presenze da titolare. Ha alternato presenze con prima squadra e formazione Under 23 dello stesso West Ham.

Vanta anche diverse presenze nella selezione Under 21 svizzera e 2 partite con la Nazionale maggiore in occasione delle qualificazioni a Russia 2018.

Quanto alla vita privata, nonostante la giovanissima età, Edimilson ha già una figlia e domenica ha dedicato proprio a lei il primo gol in maglia viola.

La Fiorentina lo ha preso in prestito con diritto di riscatto: se i viola lo vorranno acquistare al termine della stagione, potranno sfruttare l’opzione per l’acquisto a titolo definitivo per 8 milioni di euro. Un investimento certo non irrisorio,  per le casse viola.

Riuscirà il giovane svizzero di origini portoghesi e capoverdiane a convincere i dirigenti viola ad un simile esborso?

L’unica maniera efficace per farlo, sarà a suon di belle prestazioni, e di gol. Perché se è vero che la Fiorentina di quest’anno è stata finora una vera e propria cooperativa del gol, le reti non sono mai troppe per provare a raggiungere l’obiettivo europeo,  soprattutto se belle e preziose come quelle di Edimilson Fernandez domenica scorsa a Udine.

Noi ci crediamo e ne aspettiamo tante!

 

Con affetto, Sonia Nuzzi