Caro Giuseppe Rossi – la cartolina di Sonia Nuzzi

UNA CARTOLINA A… 14ª puntata – 9/01

Caro Giuseppe Rossi,
campione di calcio e di sfortuna!
Nessun tifoso viola ma, crediamo, nessuno sportivo di qualsiasi fede o colore, poteva immaginare quello che ti stava preparando un destino beffardo e atroce!
Dopo il tuo lungo calvario, già affrontato con una grandissima forza di volontà, nessuna mente diabolica poteva immaginare che tu non avessi ancora pagato il tuo debito col destino…
E invece, inaspettato come la neve d’estate, ecco che un contrasto, apparentemente inutile quanto ignorante, ti ha di nuovo fatto ripiombare nell’incubo troppe volte vissuto.
Quella che avevi alla spalle, caro Giuseppe, sembrava poter essere la storia di un ragazzo baciato dalla fortuna per aver ricevuto in dote un grande pregio: quello di saper trattare divinamente il pallone da calcio, riuscendo ad ammaestrarlo come pochi e a scaraventarlo in rete con una frequenza inusuale.
Ma, almeno in egual misura, ti era stato presentato il conto in termini di infortuni, privando troppo a lungo te e il calcio di un protagonista assoluto.
E allora, chi poteva immaginare che quel maledetto conto fosse ancora aperto?
“La fortuna è cieca ma la sfortuna ci vede benissimo”.
Altro vecchio detto sempre attuale.
Ma nel caso di Giuseppe Rossi, più che di sfortuna, si può parlare di jella atomica!
Una jella che lo costringerà ad un altro periodo di sofferenza, sia fisica che psicologica, durante il quale rincorrerà il sogno di tornare in campo al più presto e in condizioni ottimali, così com’era prima di quel maledetto scontro con un difensore scarso e maleducato, che non ha avuto neppure la buona creanza di andare subito a verificare l’entità del danno commesso!
Verrebbe da dire: oltre al danno, la beffa!
Forza Pepito, non può essere un Rinaudo qualsiasi a interrompere i tuoi sogni; dimostrerai ancora una volta che, con grande volontà, si può risorgere da ogni rovescio e tornare più forti di prima.
Firenze e i fiorentini ti aspettano!

Con affetto
Sonia Nuzzi

Be the first to comment on "Caro Giuseppe Rossi – la cartolina di Sonia Nuzzi"

Leave a comment

Your email address will not be published.